m4s0n501
Carrozzeria Cadamuro Autofficina

Quello che c’è da sapere sulle gomme invernali.


Già la primavera scorsa scrissi un articolo per spiegare bene il passaggio da pneumatici invernali a quelli estivi (lo trovi qui)
Ora facciamo un po’ di chiarezza sul passaggio estate inverno.
Allora per prima cosa il periodo standard di obbligo di utilizzo di pneumatici invernali o CATENE A BORDO nelle autostrade italiane è dal 15 novembre al 15 aprile dell’ anno successivo, questo periodo può essere variato dagli enti competenti in caso di anomalie atmosferiche, ovvero in caso di anomalie climatiche tipo l’ innalzamento della temperatura media stagionale, che potrebbero causare un usura eccessiva dei pneumatici invernali.

Tale obbligo è valido anche nelle zone di montagna, ma li tale obbligo è segnalato in maniera più frequente dagli appositi cartelli.

ATTENZIONE!!!
GLI PNEUMATICI INVERNALI NON SONO OBBLIGATORI, BASTA AVERE A BORDO LE CATENE DA NEVE!

Cadamuro Mappa Day & Raduno Autotuning

mappa 2 day

CADAMURO MAPPA DAY & RADUNO AUTO TUNING
Domenica 26 Ottobre 2014, dalle 9:30 fino alle 18:00.

L’ Autofficina Cadamuro Design in collaborazione con MGarage e Mattech organizza, con il solito stile che caratterizza i propri eventi, un’esposizione GRATUITA di auto moto e truck aperta a tutti!!!

Durante l’ evento saranno a disposizione 3 mappatori professionisti per l’ottimizzazione e la personalizzazione delle centraline delle vostre auto.

Per questa possibilità affrettatevi a prenotare in quanto i posti sono limitati (25 auto circa).
Il costo e’ variabile tra i 200 e i 350 in base alla tipologia di auto, per ulteriori info non esitate a scriverci in privato.
Per ulteriori info: http://www.mattech.it/
Ricordiamo la prenotazione obbligatoria per chi vuole mappare, entro il 23 Ottobre.

Vi aspettiamo!
Sarebbe un peccato mancare!
E’ gradita conferma!
Info e prenotazioni: contattateci su www.facebook.com/CadamuroDesign

1° Raduno auto storiche e sportive by Cadamuro Design

raduno2014 face

Il 20 Luglio assieme al comitato per i festeggiamenti della sagra di Millepertiche, abbiamo organizzato un raduno di auto storiche e sportive, qualsiasi auto di qualsiasi categoria è ben gradita, dalle 500 old school alle più performanti Lancia 037 Martini Racing.

Il ritrovo è dalle ore 09.00 presso la nostra Autofficina Carrozzeria a Musile di Piave in via Triestina 9, dove ci sarà un piccolo rinfresco, verso le 12.00 le auto sfileranno per il centro di Musile di Piave fino a giungere a Millepertiche e posteggiarsi nel piazzale di fronte alla Chiesa.
Presso gli stand gastronomici sarà possibile godersi un’ ottima grigliata di carne nella migliore tradizione veneta al prezzo di 12 euro.

Verso le 15.30 verranno consegnati gli attestati di partecipazione ma chi vorrà potrà continuare a star in compagnia :-)
Vi aspettiamo

Lancia Delta Concept il sogno

E’ il progetto di Angelo Granata un giovane designer che ha nel cuore la Lancia Delta, una delle leggende dei rally; il progetto è alla ricerca di fondi e supporto per la realizzazione del concept, che dovrebbe svilupparsi sulla base della Fiat Stilo.
Fortunatamente nulla a che vedere con la “Delta” in produzione ora, anzi il design è il giusto compromesso fra lo stile della vecchia Deltona e le porzioni arrotondate e muscolose delle auto odierne.
In bocca al lupo!

132970_1432836513629162_1841847859_o

1426301_1393295777583236_868601085_n

1453552_1394138430832304_298212454_n

999636_1395695537343260_513066968_n

1013282_1405272929718854_1530532512_n

1010533_1406717039574443_1330550134_n

1601011_1409648625947951_1397791192_n

1604906_1409978409248306_352374129_n

1970358_1421855491393931_1381212126_n

10154495_1432283347017812_1983840101_n

1532128_1432836513629162_1841847859_n

1505988_1443971352515678_6947456374634099793_n

www.angelogranata.com

Obbligo pneumatici estivi???

Da qualche giorno sui social network circolano articoli di siti e blog che secondo noi non sono molto chiari, ovvero sono corretti, ma molti utenti non “esperti” possono essere ingannati da termini tecnici o leggere omissioni.
Per di più anche anche il TG5 ne ha parlato, aumentando questa violenza psicologica contro i consumatori, ma vediamo di fare chiarezza.

Prima cosa, il 15 Aprile (nel nord est Italia a causa delle elevate temperature, l’ obbligo era scaduto qualche settimana fa) sancisce la FINE DELL’ OBBLIGO di pneumatici invernali o catene a bordo, questo è ben diverso dal DIVIETO DI PNEUMATICI INVERNALI.

Gli pneumatici quasi sempre hanno 5 valori stampati sulla spalla:
205/55 R16 88 H (ovviamente è una misura esempio) non sono altro che:
205 larghezza in mm
55 altezza della spalla dello pneumatico in mm
R16 il raggio espresso in pollici del cerchio su cui viene montato lo pneumatico
88 è un codice che identifica l’ indice di carico, ovvero per quanto peso è omologato lo pneumatico
H è il codice di velocità, ovvero per quanti km orari sono omologati gli pneumatici

Se cliccate >> quì << il link vi porterà su wikipedia dove ci sono tutte le tabelle che spiegano questi valori.

Detto questo, sulla carta di circolazione, sul quadrante basso a sx, trovate tutte le misure degli pneumatici, le prime tre misure devono essere identiche a quelle del libretto (205/55 R16) quindi larghezza, spalla e raggio, mentre indice di carico e codice velocità (88H) devono essere uguali o possono essere superiori.

Durante il periodo prestabilito d’ obbligo dell’ utilizzo di coperture invernali è concesso che questi pneumatici abbiano un codice velocità inferiore a quello specificato sulla carta di circolazione, ma che non sia mai inferiore al codice Q (160 kmh) ovviamente ciò non vale se, sempre sulla carta di circolazione vi siano indicate codici velocità inferiori o la dicitura Pneumatici invernali e la misura obbligatoria.
Cioè tornando alle ipotetiche 205/55 R16 88 H estive, nel caso di pneumatici invernali potrei installare delle 205/55 88 Q , questo perchè la gamma delle coperture invernali non è estesa come quelle estive e perchè magari sono un po’ più economiche, e con una misura si possono fare più automobili.
Questo è il DECLASSAMENTO.

Ed è qui che sorge il problema, e il fraintendimento…
Nel momento in cui cessa l’ obbligo dell’ utilizzo degli pneumatici invernali, anche questa “concessione” o DECLASSAMENTO scade e tutti gli pneumatici invernali con codice velocità inferiore a quello specificato sulla carta di circolazione diventano non idonei, in quanto inferiori alle caratteristiche omologate dalla casa produttrice del veicolo.

E credo sia corretto così, dovete vedere la cosa come una facilitazione verso l’ utilizzo delle gomme invernali, con la possibilità di montare pneumatici più economici, piuttosto che una fregatura nel momento di ritornare alle coperture estive.

Il succo del discorso è:
Se monti pneumatici invernali con i codici velocità UGUALI O SUPERIORI ai valori della carta di circolazione OK
Se monti pneumatici invernali con i codici velocità INFERIORI ai valori della carta di circolazione HAI TEMPO FINO AL 15 MAGGIO PER SOSTITUIRLI CON DELLE COPERTURE IDONEE ALLA CARTA DI CIRCOLAZIONE.

Fanali opachi? Ci pensiamo noi

foto

Col passare degli anni la luce del sole, il freddo, le intemperie possono rovinare e opacizzare la superifice dei fanali, riducendo l’ illuminazione e la tua visibilità, oltre che essere altamente antiestetico.
A volte non ce se ne accorge finchè non capita di sostituire un fanale per un danno o una rottura, e la differenza di trasparenza fra il fanale sostituito e quello ancora originale può diventare fastidiosa.

Presso la nostra carrozzeria è possibile tramite una procedura di verniciatura, ridare trasparenza e lucentezza ai tuoi fanali, evitando la sostituzione di 1 o entrambi i fanali.

Contattataci per informazioni o un preventivo.

info@cadamurodesign.it
T:0421.33.18.24

FAQ Domande e risposte sui dubbi del tuning

Molto spesso c’è confusione su alcuni argomenti nel mondo delle auto, e riceviamo frequentemente domande che ci fan sorridere,
perchè c’è veramente poca chiarezza, e con questo articolo vorremmo dar risposta definitivamente alle domande più frequenti.

Le pellicole oscuranti sui vetri sono legali? SI
Sono legali se su di essa è visibile il marchio del produttore, il codice identificativo della pellicola e sono provviste
di una certificazione riconosciuta a livello europeo.
Possono essere installate su tutti i vetri ad esclusione del parabrezza anteriore e i due finestrini laterali anteriori e l’ auto
sia provvista di entrambi gli specchietti retrovisori laterali.
Nessun tipo di pellicola di qualsiasi gradazione oscurante può essere installata sui vetri anteriori, in quanto potrebbe ridurre la visibilità
del conducente.
Per concludere l’ installatore vi deve consegnare una documentazione che specifichi su quali vetri sono state installate le pellicole e la certificazione
della stessa (solitamente TUV e KBA)

Il Filtro aspirazione diretta aumenta le prestazioni? SI e NO
Un filtro d’ aspirazione più permeabile serve a far entrare maggior ossigeno nel motore, a sua volta l’ elettronica “adegua” l’iniezione del carburante per ottimizzare la combustione, ma può essere necessario riottimizzare questi valori in quanto la centralina ha dei range prestabiliti su cui agire.
Uno dei fattori che quasi nessuno tiene in considerazione è che il filtro si fa entrare più aria, ma che aria?
L’ aria bollente che si trova nel vano motore, magari il filtro è posto sopra i colettori o vicino alla turbina, facendo si che peggiori le prestazioni il motore aspiri aria calda, quindi meno densa, peggiorando le prestazioni e addirittura venga compromessa l’ affidabilità del motore.
Consigliamo di installare il filtro in una posizione in cui possa aspirare aria esterna o lontano da fonte dirette di calore.

E i filtri dinamici “airbox” (CDA DIA…) ?
bmccdainductionkits

Questo tipo di aspirazione è studiato in maniera d’ aumentare la portata di ossigeno all’ interno, creando una spece di sovralimentazione dinamica mediante l’ effetto venturi che si crea all’ interno dell’ airbox.
IL filtro dinamico funziona solo in movimento, e sfrutta l’ aria che investe il veicolo (anche se è il veicolo a “scontrarsi” con l’ aria) incanaladonla verso l’ airbox che ne aumenta la pressione in uscita, creando appunto una sorta di sovralimentazione.

Clicca per vedere un esempio.

Ovviamente più veloce va l’ auto, più aria entra nell’ aribox e ancor di più aria entrerà nel motore.
Se il condotto che raccoglie l’ aria verso l’ airbox però è posizionato all’ interno del motore in una zona dove non viene investito d’ aria diretta in movimento NON SERVE ASSOLUTAMENTE A NULLA anzi potrebbe peggiorare le prestazioni in quanto come già detto per i filtri diretti, aspirerebbe solo aria bollente.

Su che motori si può installare la POP OFF?
La pop off è presente SOLO sui motori ad accensione sovralimentati meccanicamente (in poche parole sui motori turbo / volumex a benzina) dove l’ afflusso dell’ aria è regolato da una valvola a farfalla.
Accelerando la valvola si apre lasciando passare il flusso d’ aria che la turbina sta sovralimentando, nel momento in cui viene lasciato l’ acceleratore, la valvola si chiude mentre la turbina sta ancora spingendo bloccando, così bruscamente il flusso d’ aria in pressione, la POP OFF che è tarata sua una certa pressione
si apre facendo togliendo così pressione al corpo farfallato.
pop off
Sulle auto originali questo sfiato non si percepisce in quanto la pop off è a ricircolo e il flusso d’ aria viene messo in ricircolo nell’ aspirazione appunto per ridurre i rumori, ma è possibile sosttituire la pop off originale con una a sfiato esterno e così si udirà il classico sbuffo come nelle vetture da competizione.
Quindi sui motori a scoppio (diesel, turbo diesel), e ad accensione aspirati (benzina) non si possono farli fischiare perchè materialmente non hanno questa valvola, esistono dei sistemi che riproducono questo rumore, ma assomigliano più allo sfiato dei freni dei camion… Sconsigliatissimo!!!!

Continua…