Gare Clandestine

Ogni qual volta che in tv si parla di gare clandestine, che se ne occupi studio aperto o qualsiasi altro programma d’ intrattenimento, mi vien da far il paragone con Mistero quando parla di spiriti e alieni… qualcosa in teoria c’è di strano, potrebbe essere vero, ma far passare una scoreggia per un entità soprannaturale non ci sta!

Sinceramente e personalmente forse non sono neanche molto ben informato, in quanto non ne è ho mai vista una dal vivo, ovviamente se si possono definire gare clandestine le prime sgommattate fra y10 e Fiat Uno fire nelle stradine di sassi del mio paesetto, ma si sapeva che nelle grandi città le realtà erano e forse ancora ora sono molto diverse, ma ho come l’ impressione che il tutto sia un po’ gonfiato, che ci sia gente che si vanta e media che cercano audience.

Non metto in dubbio il manico di nessun pseudo pilota e nemmeno le prestazioni esplosive dei mezzi, e sopratutto non voglio mancare di rispetto alle persone che han perso la vita e alle loro famiglie, ma credo che il tutto dovrebbe essere mostrato per ciò che è e non per ciò che tutti pensano che sia.
Mi viene in mente un servizio del già citato Studio Aperto che parlava di auto che sfrecciavano a 250 kmh in 200 mt… Beh io ricordo che alcune delle auto italiane più preformanti nel circuito delle drag race raggiungevano i 200 210 kmh in 200 mt ma avevano più di 500 cv ed erano quasi tutte Lancia Delta o prototipi 4wd studiati esclusivamente per quel tipo di competizioni quindi boh, si parla di cavalli immaginari…

O individui che parlano di velocità assurde quando le auto con cui “gareggiavano” avevano una velocità massima ben inferiore, o si parla anche di libretti persi in una sfida ma non del notaio e del passaggio di proprietà.