Archivi categoria: Storia e Passato

Fiat Stilo Cadamuro Design – Parte 3

Ritorna parte 1 –  Ritorna parte 2

Mi ricordo bene il giorno prima del servizio fotografico per Auto… 7-8 persone che ci lavoravano sopra, chi cuciva il coprivolante (Simoni Racing), che tagliava ed incollava adesivi (io) chi montava retine e fissava minigonne, chi montava molle…

L’ indomani arrivano i fotografi e il giornalista e ci strappano le auto mentre le staimo ancora ultimando, come il prof ti prendeva il compito da finire a tempo scaduto eheheh.

La nostra location per le foto era l’ ovale d’ asfalto che circonda gli impianti sportivi di Musile di Piave, una zona dove si può stare relativamente tranquilli, far le foto in movimento senza avere problemi di traffico; ci mancava però la chiamata dei carabinieri da parte di un povero anziano che vedendo 3 macchine andare su e giù pensava ad una gara clandestina…. mpf  🙂

2 kit che comunque c’ hanno dato grandissime soddisfazioni, anche perchè il paraurti fu installato da Giovanni Mancini (Elaborare) sulla sua Fiat Stilo nel campinato ETCS

Fiat Stilo Cadamuro Design – Parte 2

Ritorna parte 1

Cosi il progetto si indirizzò su 2 step di preparazione:

Versione Sport comprendente

Spoiler sotto paraurti anteriore

Spoiler sotto paraurti posteriore

Coppia minigonne

Spoiler baule

Cofano F50

Fiat Stilo Sport Cadamuro

Versione Evo comprendente

Paraurti completo anteriore + lama

Paraurti posteriore

Coppia minigonne

Spoiler baule

Cofano Evo

Fiat Stilo Evo Cadamuro

Il tutto per poter offrire due possibilità alla clientela, un kit forte con paraurti interi semplici ma di gran impatto, e un kit di spoiler meno costoso per accontentare anche chi non vuole strafare o esagerare.

Il kit venne chiamato “Linx” (lince) a casa dello spoiler baule a punta che secondo noi richiamava molto le orecchie della lince.

Continua…

Fiat Stilo Cadamuro Design – Parte 1

La Stilo ha avuto l’ importante compito di prendere il posto della Bravo, una vettura che sarebbe andata un po’ oltre alla solita utilitaria economica; linee innovative, spigolose e design imponente queste le basi del progetto Stilo

Primi Fotoritocchi 2002

Primi Fotoritocci 2002

All’ epoca personalmente mi cimentai nei primi fotoritocchi per capire come sarebbe uscita l’ auto, se li riguardo ora mi vien da sorridere dalla qualità scadente, ma insomma 8 anni fa mica tutti conoscevano photoshop; il progetto prevedeva la creazione di paraurti interi e spoiler sotto paraurti, in modo d’ avere 2 alternative per accontantare ogni tipo di richiesta.

Continua… Parte 2

Fiat Stilo Cadamuro Design

Stamattina mi stavo preparando il caffè alla macchinetta nella sala d’ attesa, e mi è caduto l’ occhio sul tavolino dei giornali… eeeeeeeeeeeeeeeeee tac la rivista Auto Marzo 2002 con le nostre 2 Stilo in copertina…

Auto marzo 2002

Che lavorata quella volta… Avevam finito le macchine alle 10.00 di mattina e i fotografi erano arrivati un’ ora prima ahahah. Fino alle due per montare i pezzi, fra l’ altro la Stilo gialla aveva su il prototipo del paraurti anteriore, un pastroccio di legno e resina…

Quindi il prossimo appuntamento con la storia sarà la Stilo!!

Continua…

Fiat Coupè by Cadamuro Design – Parte 4

Torna a parte 1 –  Torna a parte 2 –  Torna a parte 3

Nel 2002 dopo 4 anni dal lancio del nostro primo kit , abbiam pensato di crearne uno nuovo per smuovere un po’ le acque, e aggiornare un design che ormai aveva fatto il suo tempo (anche se lo vendiamo benino ancora ora).

L’ idea era quella di creare dei paraurti completi,  per avere maggior possibilità di modifica ed offrire due prodotti diversificati, il kit di spoiler per un tuning soft ed il kit di paraurti per uno stile più aggressivo, ma ovviamente ben + costoso.

Per l’ anteriore la scelta cadde sul ridisegnare con uno stile più aggressivo il paraurti anteriore che la Fiat stessa proponeva ma  oramai fuori produzione, mentre per il posteriore ci ispirammo alla Ferrari 360 Modena, la supersportiva del momento…

La nostra idea fu rivoluzionaria, mettere su un’ auto sportiva, ma non estrema, le soluzioni tecniche che avevano le migliori supercar del mondo (già nel 1997 facemmo la stessa cosa con i cofani maranello ed F50)

Prima Fiat Coupè Cadamuro con paraurti

Prima Fiat Coupè Cadamuro con paraurti

Dopo qualche mese venne introdotto anche un nuovo tipo di cofano chiamato F1, prendendo spunto dalla Ferrari Enzo, in pratica un F50 spigoloso e più grande. (questo esemplare ha delle prese aria personalizzate sul paraurti anteriore e sulle minigonne)

Fiat Coupè Cadamuro

Fiat Coupè Cadamuro Design

Anche l’ alettone posteriore subì un piccolo restauro, rendendolo più spigoloso e massiccio per equilibrare il tutto.

In conclusione, non possiamo che essere soddisfatti ed orgogliosi di questa macchina e dei kit che abbiamo prodotto, ricordo che ad uno dei primi servizi fotografici un giornalista prima di vedere l’ auto disse: ” ma cosa avran fatto sti Cadamuro che la Coupè è gia bella e finita così?”

Fiat Coupè by Cadamuro Design – Parte 3

Torna a parte 1 –   Torna a parte 2

Nel 1998 il kit viene perfezionato, le minigonne non sono più solo un profilo da mettere sotto la portiera, ma vanno ad integrare la parte inferiore della fiancata evitando di dover verniciare il fascione laterale sotto porta; viene anche creato uno spoiler posteriore sotto paraurti per rendere omogenea l’ altezza globale dell’ auto “incorniciando” eventuali scarichi sportivi.

Fiat Coupè + Fiat Punto 1 - Maurizio Voltini le testa per la rivista Auto

In quel periodo inizia la collaborazione col preparatore motoristico Giust, uno dei primi prototipi comuni fu appunto la Fiat Coupè Turbo 16  gialla  nella foto sopra , portata ad una potenza di 270 Cv e ottimizzata in tutte le sue parti, dalla carrozzeria alle sospensioni; un missile

Il risultato? Copertina su Auto…

Copertina Auto 1998

La velocità di punta di questa auto superava i 250 kmh, tanto che durante i primi test ci si accorse che il tergicristallo posteriore non riusciva a stare in posizione sul lunotto alzandosi col rischio di spezzarsi, per ovviare a questo problema fu prodotto uno spoilerino da applicare sul lunotto per bloccarlo.

Fiat Coupè Svizzera

Da li iniziarono le richieste in tutta Italia, ed arrivare in Svizzera e Germania è stato un momento…

In questi due paesi elaborare l’ auto era e ovviamente è un usanza molto diffusa e ben radicata, ma all’ epoca mancava un marchio italiano che producesse pezzi per auto italiane, un valore aggiunto che c’ ha permesso di fare la differenza rispetto alle aziende Europee già esistenti

Non abbiamo dati o riferimenti sicuri, ma penso che in questi due paesi su Fiat, Alfa, Lancia non ci fosse alcuna possibilità di batterci.

Continua… Parte Finale

Fiat Coupè by Cadamuro Design – Parte 2

Torna a parte 1

Il primo kit è stato creato nel 1996 su una Fiat Coupè rossa, comprendeva una lama sottoparaurti molto semplice, che nella parte laterale frontale si rigonfiava in modo da ottenere un effetto “flap”, le minigonne erano sempre molto semplici, e molo simili nello stile del frontale con una sporgenza morbida nella parte posteriore, in modo da slanciare la fiancata.

1^ Fiat Coupè Cadamuro Design

1^ Fiat Coupè Cadamuro Design

Per l’ alettone abbiamo preso spunto niente popò di meno dalla Lamborghini Diablo, proponendo un alettone staccato dalla carrozzeria, che seguisse il profilo posteriore dal baule ai parafanghi.

1^ Fiat Coupè Cadamuro Design

Lamborghini Diablo

Questo fu il primo step della preparazione, specialmente le minigonne sembravano troppo distaccate dalla carrozzeria e ci costringevano a verniciare la parte sotto porta nera originale.

Fiat Coupè Cadamuro Design

Già in questa versione è presente la mascherina (art 19 tuttora in vendita) uno dei nostri prodotti forti, che da sola migliora moltissima l’ impatto estetico del frontale.

Continua a parte 3

Fiat Coupè by Cadamuro Design – Parte 1

L’ ho sempre definita la piccola sorellina minore della Ferrari 550 Maranello, anche se la cronologia direbbe il contrario (Fiat Coupè prodotta dal1994, Ferrari Maranello 1996) ed effettivamente il “padre” è lo stesso per entrambe, Pinifarina, che ha utilizzato elementi simili per caratterizzare le vetture di quel periodo  cofano il maestoso fari rettangolari inclinati, e doppi fari tondi al posteriore .

Fiat Coupè (image from Wikipedia by Rudolf Stricker)

La distingueva un design innovativo ma semplice e pulito, con quel cofano portante che creava un solco carattersitico dell’ auto riproposto anche nei parafanghi posteriori.

Fiat Coupè Cadamuro 1° Ste

Continua… Vai a parte 2

Fiat Punto 1^ serie – Parte 3

Torna a parte 1

Torna a parte 2

Il primo kit completo prevedeva il solito e ben testato spoiler anteriore con labbro in “carbon look”, una speciale verniciatura che imitava l’ effetto del carbonio, un spoiler posteriore con sfoghi d’ aria, delle minigonne con pinna e presa aria ad imitare quella della ferrari F50 >:-), un alettone posteriore (anche questo è entrato nei nostri bestseller) e bombature anteriori e posteriori con applicazione del tappo benzina stile competizione.

Primo depliant Cadamuro Design 1997

La Punto della foto, prima di essere completamente allestita da noi montava delle minigonne Abarth, mi ricordo che chiesi a mio padre: ” ma veramente questo cliente toglie le minigonne Abarth per montare le nostre?” Sembrerà una cosa normale ora sostituire i kit originali con quelli “tuning”, ma all’ epoca fu una soddisfazione grande.

A completare il tutto arrivò il famoso cofano F50! In Italia già le modifiche sui cofani con prese aria raccordate erano una cosa rara, una lavorazione di questo tipo era proprio il top.

Fiat Punto 1 Cadamuro Design

Il problema principale delle prese aria in resina applicate, è la “saldatura” e raccordatura fra vetroresina e lamiera, dopo test e tentativi siamo riuscit a trovare la procedura migliore per eseguire questo lavoro, tanto che fornivamo anche la presa aria, il kit di resina e le istruzioni e qualsiasi carrozziere sarebbe stato in grado di fare la lavorazione.

Solo nel 2001-2002 altre ditte iniziarono e commercializzare delle prese aria, senza però fornire un kit d’ installazione o un manuale (e fatalità erano o copie dei nostri modelli F50 / maranello o fusioni di queste prese aria) e utilizzando materiali non idonei…

1998 Test per la rivista Auto - Maurizio Voltini

E ne abbiamo fatte davvero tante… Ricordo una telefonata in particolare:

Cliente:” si ciao sono il ragazzo che ha montato il kit sulla Punto!”

io: “mmmm scusa ma non ho capito chi sei”

Cliente:” si dai quello della Punto gialla, ricordi?”

io: “:-) :-):-) a si quello della Punto gialla…… ora è chiaro!…. ehehhe

Quindi vorremmo ringraziare la Punto 1, per tutte le soddisfazioni che c’ ha dato (qualcosina ancora adesso eh eh) e se oggi siamo dove siamo, è specialmente merito suo 🙂

Fine

www.cadamurodesign.it

www.carrozzeriacadamuro.it

Fiat Punto 1^ serie – Parte 2

Torna a parte 1

Eravamo rimasti allo spoiler anteriore…

Troppo semplice e banale, quindi  è stato prontamente sostituito con lo spoiler anteriore ancora adesso in vendita

Fiat Punto Cadamuro Design

inzialmente prodotto in vetroresina, poi a causa dell’ elevatissima richiesta, in ABS (plastica)

All’ ora (1996) come rivista del settore  esisteva solo Auto che in una rubrica chiamata Supercar proponeva le migliori preparazioni di tutta Europa, uno dei giornalisti e tester era Maurizio Voltini, conosciuto da mio padre all’ evento appunto organizzato da questa rivista nell’ ottobre 1996 che viste le nostre preparazioni entusiasta volle fare un servizio su una nostra Punto preparata in collaborazione con il meccanico De Bardi; a causa dell’ eccessivo surriscaldamento del motore il meccanico ci chiese di applicare una presa aria sulla parte frontale del cofano per far prendere aria fresca al filtro conico (inizialmente una bocchetta della 500 sporting, poi ne creammo una di simile per far si che potesse starci fra faro e stemma)  e una coppia di prese aria a griglia sulla parte superiore per espellere l’ aria calda in eccesso… il risultato???

Copertina Auto 1996

Copertina su AUTO…

Cofano con prese aria

Cofano prese aria "Lusso" con prese aria originali Ford

Da quel momento capimmo che forse le riparazioni potevano essere solo una cosa secondaria, e iniziammo ad investire più tempo sui “tochi in resina” .

Continua…

www.cadamurodesign.it

www.carrozzeriacadamuro.it

Fiat Punto 1^ serie – Parte 1

Siamo molto riconoscenti verso la Punto 1^ serie (GT),  ma penso che ogni appassionato d’ auto debba esserlo in quanto secondo me  è un po’ la chiave di volta del tuning; ha avuto sulle spalle la responsabilità di essere l’ erede della Uno (turbo), una delle piccoline tutto pepe degli anni 80, e non è poco!

Fiat Uno Turbo Cadamuro Design

Un grazie di cuore lo dobbiamo ad Alessandro Marin, che ogni sera dopo lavoro veniva a “romperci” che voleva uno spoiler, che voleva un cofano che voleva questo, e si metteva li nel tentativo di costruirselo da solo, finchè mio padre  Sergio andava ad aiutarlo.

Fiat Punto Cadamuro

Purtroppo Alessandro nel 2007 a seguito di un sfortunato incidente è scomparso… Ma rimarrà nei nostri ricordi…. GRAZIE DI TUTTO.

Alessandro Marin RIceve il premio Auto SuperCar 1997

Inizialmente le prime modifiche prevedevano uno spoiler anteriore liscio senza alcuna presa aria o appendice, era solo un abbassamento che rendeva un po’ più aggressivo il frontale, senza però prendere un design deciso.

Continua… Parte 2
www.cadamurodesign.it

Tuning? Eleborazioni? Tamarrate? Parte 3

Torna a Parte 1

Torna a Parte 2

Insomma quante cose non ci vanno bene ehehehe… Ovviamente questi sono i miei personalissimi punti di vista!

Quello che volevo dire in finale è che l’ auto deve essere si motivo di passione, ma la si deve anche poter usare tutti i giorni (ovvio se uno ha due auto) si deve poter far salire 2 amici dietro senza che le ruote alla prima buca tocchino, si deve poter fare 50 km in autostrada senza che lo scarico ci mandi in stallo i timpani… tutte cose così!

Una preparazione deve, abbellire, migliorare, rifinire un auto e non stravolgerla, quando una persona dice la fatidica frase: ” ma che auto è questa” vuol dire che si ha esagerato; mi ricordo un servizio su una rivista di z3 spagnola, non si riconosceva minimamente… ma cavoli se devi ridurla così, prepara una Tipo o da una Ritmo, tanto il risultato sarà lo stesso alla fine.

www.autoelaborate.com

Secondo me il massimo di una preparazione sportiva è una macchina da competizione! Quanto belle non sono le auto da superturismo, WRC o endurance? A quelle si deve aspirare! Deve sembrare la  versione stradale di un auto da gara (ovviamente sempre con certi limiti); Proprio per questo si chiama auto SPORTIVA, perchè richiama lo sport il racing.

Alfa Romeo 156 N Technology James Thompson WTCC 2007

Poi ci sono modelli che si prestano più o meno a questo tipo di stile, ma abbellire l’ auto è renderla più aggressiva, rispettando il design e i volumi di base, senza stravolgere nulla.

Alfa 156 Cadamuro Design

Alfa 156 Stile Italia

Fine 😉

www.cadamurodesign.it

Tuning? Eleborazioni? Tamarrate? Parte 2

Torna a Parte 1

……. Perchè TUNING???… siamo nel paese delle auto sportive e del design, le migliori moto e auto le facciamo noi, l’ Italia domina nel settore e dobbiamo usare un termine inglese perchè fa figo.

Non c’è mai piaciuta questa parola, maaaaaaaa purtroppo dobbiamo adeguarci e parlando terra terra, se uno su google cerca “tuning” dobbiamo uscire anche noi, ma va beh questo non è niente.

Purtroppo come già detto molte altre volte, dal 2002 in poi c’è stato un incremento ASSURDO in questo settore,  molte troppe persone si sono buttate in questo mercato, rendendolo commerciale e superficiale, senza avere un progetto  o una base solida su cui impostare un obiettivo.

Negozi e rivenditori ogni 2 km, ogni settimana un nuovo marchio di prodotti, ogni mese più di 10 riviste, ogni domenica 15 raduni diversi nel raggio di 20 km… Troppe cose!!!

E come ogni cosa che va di STRAMODA c’è a breve termine un successo fotonico per poi andar in declino e risultare quasi antipatico… Ovviamente non voglio dire che ci faceva schifo che il “tuning” andasse a palla, ma c’ era più soddisfazione e si lavorava meglio quando la cosa era un po’ più “intima”, quando chi vendeva o installava i componenti aveva decenni di esperienza, non improvvisato… per poi mettere sulle pubblicità nei giornali: “NUMERI 1 o LEADER NEL TUNING”

Leader Europeo!!! .... Vera inserzione su ebay

Ma leader di chi che??? Che magari son 2 anni che lavori… quando Lester è dal 80 che produce pezzi e non si permette di dire nulla di questo!

Continua… Vai a Parte 3

www.cadamurodesign.it

Tuning? Eleborazioni? Tamarrate? Parte 1

Sul forum di Elaborare.com il 12/06/2008 aprii una discussione dal titolo: Maaa il tuning sta morendo? ancora adesso  aggiornata e posizionata nelle prime righe della community.

Si parla delle varie motivazioni per cui il nostro settore si è un po’ fermato… Ovviamente si cita la crisi, la mancanza di soldi. Motivo importante e diffuso, ma secondo me ci sono anche altri problemi di base.

Voglio analizzare la situazione secondo il mio personale punto di vista; molto probabilmente potrò sembrare ipocrita e qualcuno a sentire i miei discorsi potrebbe storcere il naso, ma spero vivamente che la maggior parte di voi capisca quello che voglio dire.

Quando in giro nella mia vita privata, le persone mi chiedono che lavoro faccia io rispondo: lavoro in carrozzeria in più produciamo pezzi sportivi per auto. L’ interlocutore annuisce e dice: Bello!

Fiat 500 Cadamuro

Se rispondessi invece: Lavoro in una ditta che fa pezzi tuning la sua risposta sarebbe: AAAAAa ok, le macchine quelle tarocche e tamarre!

Smart?

Ma perchè siamo arrivati a questo??? Perchè tuning = tamarro???

Perchè questa gara assurda verso l’ oscenità…

Io capisco che i gusti son gusti, ognuno fa quello che gli piace, il mondo è libero, e ognuno si esprime come vuole… ma la patata è verticale (forte questa) e il buongusto non è il gusto… uffa.

Scusate le 2 perle di saggezza, ma cavoli…

Continua… Vai a parte 2

www.cadamurodesign.it

L’ amata Alfa 156 GTS

Una dei nostri bestseller è stato senza ogni dubbio il kit dell’ Alfa 156 1^ serie, ideato e prodotto nel 2002 volevamo fortemente rievocare le gare di superturismo puntando al 100% sull’ aggressvità con l’ utilizzo di appendici in carbonio; l’ auto di base all’ epoca era (ed è) bellissima, innovativa con le maniglie delle porte posteriori a scomparsa che la faceva sembrare una coupè si prestava molto alla trasformazione.

Il kit avrebbe compreso spoiler anteriore con prese aria per il raffreddamento dei freni, spoiler posteriore sotto paraurti con aletta regolabile in carbonio, coppia di minigonne laterali, spoiler baule con aletta regolabile in carbonio.

Prototipo spoiler anteriore

Prototipo spoiler anteriore

Quando venne presentata l’ anteprima non fu subito apprezzata, nei forum di appassionati la definivano pesante e poco elegante, ma eravamo sicuri che con tutti i dettagli a posto non ci sarebbe stata storia e così successe.

La preparazione comprendeva:

interni: sedili, volante, cinture, pedaliere…

Meccanica: scarico completo dal catalizzatore Ragazzon, CDA BMC, riprogrammazione centralina, cerchi Oz Racing SuperLeggera, sospensioni complete

Il kit venne ultimato applicando delle appendici in carbonio per richiamare le corse e con la geniale mascherina 421 che utilizzava una parte dello scudo dell’ Alfa 147 1^ serie per far sembrare la ormai non giovanissima alfa (1997) una delle ultime versioni con il calandrone a listelli; volevamo denominarla GTA (non si sapeva ancora che poi sarebbe arrivata) in onore alle belve del passato, ma l’ Alfa non acconsentì così ci accontentammo di GTS.

Alfa 156 Tuning Cadamuro

Alfa 156 Tuning Cadamuro

DSC00259

Mi vien da sorridere se penso a certi commenti che ci pervenirono all’ epoca, del tipo: che brutta mascherina è proprio ANTIESTETICA… L’ alettone è troppo alto… Lo spoiler posteriore è troppo pasticciato…

In finale è stato uno dei nostri kit più venduti in assoluto ( al top c’ è sempre la Punto 1), in particolare la mascherina tanto contestata ha raggiunto picchi di vendita di 500 pezzi all’ anno.

Al motor show di Bologna di quell’ anno fu esposta nello stand di Auto, e una delle soddisfazioni più grandi era sentir le persone che si chiedevano in che categoria corresse o se fosse la GTA.

www.cadamurodesign.it